• img-book

    RiMaflow è uno degli esempi più importanti in Italia di fabbrica recuperata. Una cooperativa che rinasce grazie ai suoi operai e alla lotta che intraprendono fino all’occupazione per mantenere il proprio posto di lavoro. La storia di Massimo, tra i fondatori, è qui raccontata in prima persona a partire dal suo arresto, ripercorrendo anche le voci dei suoi compagni e di chi ha creduto in questo progetto, dando vita a un modello alternativo di economia, fondato sul mutualismo e sull’autogestione delle attività.


    RiMaflow. Storia di una fabbrica recuperata Autore: Lettieri Massimo  14,00

    Massimo Lettieri, nato in Germania ma cresciuto a Rofrano, si trasferisce presto a Milano dove lavora presso Murray, che successivamente diventerà Manuli Automotive e infine Maflow. In fabbrica cresce la passione sociale e politica e si iscriverà alla Fiom; ma sarà l’incontro con Walter Montagnoli, del sindacato Cub, nel 2002 che lo porterà a iniziare l’attività sindacale in fabbrica come delegato.
    Nel 2010 a seguito del licenziamento dalla Maflow s.p.a., con altri colleghi decide di rilevare la fabbrica e iniziare un’esperienza di autogestione, dando vita alla RiMaflow.

  • img-book

    Il 1948 è l’anno della Nakba, la catastrofe che vede l’espulsione di migliaia di persone dalla Palestina e la distruzione di centinaia di villaggi ad opera del nascente Stato di Israele. A distanza di settant’anni, Cecilia Dalla Negra ripercorre le principali tappe del processo di colonizzazione israeliano, fino a giungere agli eventi attuali segnati dalla “Grande Marcia del Ritorno”, luogo simbolico in cui la storia della Nakba e la sua attualità si incontrano. Integrando alcune testimonianze dirette, il libro segue il cammino di un popolo che ancora oggi resiste al tentativo di annientamento operato da Israele e alle sue strategie di esproprio e repressione.


    Si chiamava Palestina. Storia di un popolo dalla Nakba a oggi Autore: Dalla Negra Cecilia  16,00

    Cecilia Dalla Negra, è una giornalista esperta di Palestina. Nel 2018 ha pubblicato Walking the Line. Palestina e Israele lungo il confine che non c’è (con G. Cecere e C. Elia, Milieu) e ha contribuito al numero Palestina. Femminismi e resistenza della rivista femminista DWF. Ha co-diretto per anni il giornale online Osservatorio Iraq-Medio Oriente e Nord Africa.

  • img-book

    NUOVA EDIZIONE

    Primo romanzo in lingua siculish, Zia Favola è una preziosa testimonianza della storia dei molti italiani che, da fine Ottocento, emigrarono verso gli Stati Uniti. Da San Cono a Novaiorca, Favola Cinquemani, donna già moderna, intraprende un viaggio a volte sofferto, altre pieno di successi, che la condurrà ad abbracciare tutte le possibilità che la sua nuova patria le offrirà. Con la sua spontaneità Zia Favola ci fa riflettere sul fenomeno che, ieri come oggi, porta popolazioni migranti ad abbandonare la propria terra e calcare suoli stranieri non sempre ospitali.


    Zia Favola. Una storia siculish. Autore: Cinquemani Cono  14,00

    1960. Favola Cinquemani, la zia siculo-americana, per il suo settantesimo compleanno compra una macchina da scrivere e inizia a raccontare la sua vita, divisa tra la Sicilia e l’America.
    Un racconto in prima persona di un viaggio a volte intenso e tormentato, altre ricco di gioie e successi, che condurrà il lettore dalla Sicilia all’America di inizio Novecento.

  • img-book

    Prossimamente Autore:
  • img-book

    Prossimamente Autore:
  • img-book

    Prossimamente Autore: